Servizi digitali, ecco i preferiti dagli italiani

Anche se la situazione sanitaria è sotto controllo, almeno per la diffusione dei vaccini, gli italiani sembrano non voler abbandonare le abitudini acquisite in tempi di lockdown. Prima fra tutte, l’affezione ai servizi digitali, che hanno fatto veramente la differenza nelle settimane più difficili di restrizioni. Dal commercio elettronico al gaming, i nostri connazionali si confermano affezionati del web, tanto che anche nella prima metà del 2021 i valori relativi all’utilizzo del digital sono in forte crescita, ribadendo il trend del 2020. 

Dal gioco ai podcast, dallo streaming e all’e-commerce, chi sale (e non scende)

Il gambling online è stato uno dei settori che più è cresciuto negli ultimi mesi, sottolinea Aimeg evidenziando un +46,4% nel 2020 e performance positive anche nei primi mesi del 2021 (occhio, però: come precisano i siti web specializzati, come Casino2k.com, è fondamentale rivolgersi solo ed esclusivamente a concessionari autorizzati). Utenti in aumento anche per lo streaming video, cresciuto in modo considerevole, con tutti i principali operatori del settore che mostrano un numero di abbonati in aumento, da Netflix e Amazon Prime Video in grado di superare i 200 milioni di utenti registrati, fino a Disney+ che in appena 16 mesi ha superato i 100 milioni di abbonati. In questo contesto non poteva che beneficiare pure lo streaming audio, con un aumento del 7,4% per l’industria musicale nel 2020 secondo i dati dell’IFPI (International Federation of the Phonographic Industry), con performance importanti da parte di piattaforme come Apple Music, Spotify e Amazon Music. Dati più che positivi anche il settore del podcast: nel 2020 c’è stato un incremento di 2 milioni di ascoltatori di podcast nel nostro Paese, arrivando a un totale di 13,9 milioni di persone, evidenzia un’analisi di Nielsen. Non sorprende, infine, l’exploit dell’e-commerce che secondo i dati dell’Osservatorio eCommerce B2C del politecnico di Milano ha messo a segno un aumento del 26% nel 2020. E il trend è ancora in salita per il 2021.

Le prospettive per il settore digitale

La digitalizzazione si sta estendendo anche a settori fino ad ora rimasti al riparo dall’avanzata dei servizi online, mostrando una serie di prospettive importanti per il rafforzamento delle soluzioni online. Non a caso, secondo un’analisi di LinkedIn tra il 2020 e il 2021 c’è stato un incremento per le professioni digitali, con una richiesta in forte aumento da parte delle aziende per accelerare la trasformazione digitale e creare un business più moderno e resiliente. Tra i settori che più degli altri vedranno aumenti in ambito digitale, spiccano lo sport e – ovviamente, considerata la situazione attuale – il mondo dei servizi sanitari online con la telemedicina in primis.

Crescono gli investimenti digitali degli studi professionali  

Avvocati, commercialisti e consulenti del lavoro nel 2020 hanno investito 1,694 miliardi di euro in strumenti digitali, +l 7,9% rispetto all’anno precedente, e per il 2021 le stime indicano un’ulteriore crescita (+5,6%), fino a sfiorare quota 1,8 miliardi. A trainare la spesa negli studi di piccole, medie e grandi dimensioni sono stati soprattutto gli investimenti in tecnologie per la gestione elettronica documentale (+34%), strumenti di workflow (+57%), CRM (+120%), business intelligence (+86%) e machine learning (+125%), mentre le micro strutture, oltre che sulla gestione elettronica documentale (+37%), hanno puntato su tecnologie più centrate sulle esigenze immediate, come canali social (+26%) e VPN (+44%). Sono i risultati della ricerca dell’Osservatorio Professionisti e Innovazione Digitale della School of Management del Politecnico di Milano.

Emergenza sanitaria e professionisti

L’emergenza sanitaria ha portato nuova consapevolezza sui cambiamenti necessari per mantenere competitivo lo studio, come una maggiore comprensione dei propri punti di forza e debolezza, soprattutto fra gli avvocati (nel 25% dei casi), e una più attenta valutazione delle attitudini dei collaboratori, oltre che dei soli aspetti organizzativi del lavoro in remoto, soprattutto fra i consulenti del lavoro (34%) e negli studi multidisciplinari (43%). Uno studio su quattro, poi, è pronto a ripensare i propri modelli organizzativi, e per il 70% la crisi ha cambiato le modalità di gestione della clientela, per la quale servono più adeguate tecnologie collaborative e un investimento nella formazione. 

Gli investimenti digitali

Nel 2020 il 31% degli studi professionali ha investito oltre 10mila euro in tecnologie digitali (+6% rispetto al 2019), il 36% fra 3mila e 10mila euro, il 17% fra mille e 3mila e il 12% meno di mille euro. Il 4%, composto quasi totalmente da micro e piccole strutture, non ha dedicato risorse all’innovazione digitale, esponendosi a ulteriori rischi di marginalizzazione in un periodo in cui la tecnologia è risultata ancor più abilitante per lo svolgimento delle attività lavorative. Gli studi multidisciplinari sono la categoria che ha investito di più (in media 25.300 euro), seguita da commercialisti (12.100 euro), consulenti del lavoro (10.100 euro) e avvocati (8.700 euro). Questi ultimi hanno anche aumentato maggiormente la spesa digitale (+29,9%).

Quali tecnologie adottare?

Le tecnologie più presenti in tutte le categorie professionali sono la fatturazione elettronica e le applicazioni per le videochiamate. Quasi un commercialista su due punta sull’e-learning (49%), mentre è ancora limitato l’investimento nei canali digitali, con solo il 39% che ha un sito proprietario e il 25% che è presente sui social media. Limitata ma in miglioramento la presenza digitale dei consulenti del lavoro (il 45% ha un sito e il 27% uno o più account social), che risulta invece più sviluppata fra gli avvocati (il 54% ha un sito e nel 36% è presente sui social) La VPN invece è la terza tecnologia più adottata dagli studi multidisciplinari (61%), che hanno anche la presenza digitale più strutturata: il 59% ha un sito web, il 40% almeno un account social.

Il mercato dei Media in Italia, cresce la fruizione “smart”

La ricerca The Media Challenge: tra fruizione lineare e on-demand, condotta da BVA Doxa, conferma che da novembre 2020 alla primavera 2021 il tempo dedicato dagli italiani all’entertainment rimane alto. Il 50% lo dedica alla televisione e il 35% dedica più tempo ai video, a fronte di un leggero calo della stampa. Se da un lato rimane alta la fruizione di contenuti dalla TV tradizionale, in crescita è anche il possesso di dispositivi “smart” a cui accedere per ampliare la gamma di possibilità offerte. Quanto ai contenuti televisivi (programmi, film, serie TV), il tempo dedicato alla TV è molto più alto tra i Baby Boomers, in media, 20 ore settimanali contro le 15 della Generazione X e le 10 dei Millennials.

Lo smart speaker cresce più velocemente della smart TV

Si riconferma poi la crescita della smart TV, che nel 25% dei casi affianca la TV tradizionale: 1 su 4 possiede sia una TV tradizionale sia una TV “smart”, e il 61% rende la TV tradizionale “connessa” tramite dispositivi esterni. Lo smart speaker cresce ancora più velocemente rispetto alla smart tv (+6%), e viene utilizzato soprattutto per ascoltare musica (63%), informarsi sul tempo (61%), chiedere qualcosa (62%), ascoltare la radio (59%), l’utilizzo di timer o sveglia (55%). Interessante anche la crescita del podcast, che conferma anche la crescita dell’audio, un ambito rilevante per aziende e brand che guardano a diversi mondi per intrattenere gli utenti.

Gli abbonamenti (condivisi) alle piattaforme SVOD

Che venga pagato da un consumatore solo, o che la spesa venga condivisa, o che venga sottoscritto un abbonamento da utilizzare in famiglia, 1 su 3 condivide l’abbonamento SVOD.  Inoltre, il 55% dichiara che sicuramente rimarrà abbonato, con un percentuale ancora più alta tra i Baby Boomers (+7%), che desiderano poter accedere a un’offerta sempre più ampia di contenuti. Inoltre, il 43% dichiara di avere due abbonamenti, il 20% tre, e il 10% quattro o più. Tra chi è abbonato a un servizio di Pay TV, invece, diminuisce la quota di coloro che dichiara di avere un solo abbonamento rispetto, un indice della necessità di allargare la propria offerta di Pay TV sottoscrivendo altri abbonamenti.

Utilizzo di YouTube e tipologie di video

Quanto al tempo dedicato ai contenuti non televisivi (Social, YouTube, Influencer), è trasversale e omogeneo: i Millennials vi dedicano in media 7 ore a settimana e i Baby Boomers 6. Tra i più contenuti guardati su YouTube emergono i video musicali, i video tutorial, e i video comici con interessanti differenze generazionali: sono soprattutto i Millennials interessati ai video tutorial più formativi, mentre i Baby Boomers utilizzano YouTube più per video musicali, sportivi, highlights di eventi e spezzoni di film. I Baby Boomers sono anche coloro che non hanno una preferenza precisa sulla tipologia di video da guardare (61% “indifferente”), mentre i Millennials prediligono soprattutto i video di YouTubers e Influencers (44%) e la Generazione X gli user-generated contents (23%).

Lavoro da remoto, tra buon umore e criticità IT

Lavoro da remoto sì o no? Per la gran parte dei lavoratori inglesi, e quindi è plausibile che l’atteggiamento sia del tutto simile anche in Italia, la risposta è sì. Un recente sondaggio condotto dalla piattaforma IT Ivanti Inc. tra i dipendenti del Regno Unito ha infatti messo in luce che il 66% degli intervistati preferirebbe lavorare da remoto anziché ricevere una promozione e quasi la metà (49%) accetterebbe una riduzione dello stipendio in cambio della possibilità di lavorare da casa. Solo il 16% degli intervistati ha sostenuto di voler tornare in ufficio a tempo pieno in futuro. Dello smart working vengono apprezzati maggiormente il calo dello stress (42%), il risparmio di tempo (48%) e l’equilibrio lavoro-vita privata (45%). Ancora, il 55% dei rispondenti ha riscontrato un netto miglioramento del proprio umore.

Tecnologia, croce e delizia

Lavorare a distanza presuppone inevitabilmente il dipendere dalla tecnologia. E proprio in questo campo sono emerse alcune difficoltà, tanto che  il 23,38% degli intervistati ha contattato l’help desk almeno una volta alla settimana e il 25,27% ha richiesto supporto IT da una a tre volte al mese mentre lavorava da remoto. Le le principali criticità sono legate alla difficoltà di accedere alle risorse aziendali (20,78%), a problemi di Wi-Fi (21,98%) e reset delle password (28,77%).
“Poco più di un anno fa, la pandemia ha rimodellato il modo di lavorare di milioni di persone in tutto il mondo, senza tenere conto della preparazione o meno dei datori di lavoro”, ha dichiarato Chris Goettls, Senior Director of Product Management di Ivanti. “È chiaro che molti dipendenti hanno trovato un proprio equilibrio in ambienti di lavoro remoti. L’ingresso in questa nuova ‘era’ del lavoro, dove avremo dipendenti che operano da remoto o in modalità ibrida, richiede alle imprese l’implementazione di una strategia di sicurezza Zero-Trust per proteggere i propri asset digitali e garantire ai dipendenti l’accesso ai dati di cui hanno bisogno, ovunque essi stiano lavorando”.

Più costi per l’elettricità e più… pigiama

Tra i risultati un po” più originali della ricerca si scopre che  il 61% degli intervistati del Regno Unito che ha lavorato da remoto ha riscontrato un aumento della bolletta dell’energia elettrica. I costi dei pasti (38%) sono stati citati come il secondo maggior costo sostenuto, seguito dai costi legati all’home office (31%). Il 42% dei rispondenti ha ammesso di aver indossato i pantaloni del pigiama durante una videoconferenza, mentre il 34% ha guardato la TV o un film attivando la modalità “mute” nel corso di una call. Il 28% ha affermato di aver fatto una doccia durante una call.

Le app più utilizzate dai giovani? YouTube, WhatsApp e TikTok

Quali sono le app preferite dai più giovani tra il 2020 e il 2021? La risposta non sorprende: YouTube, WhatsApp e TikTok, quest’ultima, ha addirittura raggiunto il doppio della popolarità di Instagram. Lo conferma Kaspersky nel suo studio Safe Kids, che ha considerato le ricerche più frequenti condotte online da bambini e ragazzi. La top 10 comprende anche quattro videogiochi per pc, Brawl Stars, Roblox, Among US e Minecraft. E tra le categorie più ricercate, “software, audio e video” (44%), “mezzi di comunicazione online” (22%) e “giochi per computer” (14%).

YouTube è il servizio di video streaming più utilizzato in tutto il mondo

Tra le applicazioni più popolari, YouTube è in testa con un ampio margine e continua a essere il servizio di video streaming più utilizzato tra i ragazzi di tutto il mondo. Al secondo posto si piazza l’app di messaggistica istantanea WhatsApp, seguita dal noto social TikTok. Quanto a YouTube, il 17% delle ricerche totali fatte da ragazzi e bambini riguarda i video musicali. Anche la categoria “tendenze” riscuote un discreto successo, con i video su “pop it and simple dimple” e “ASMR” che rappresentano il 4% delle query. Per quanto riguarda i gusti musicali, oltre alle band di K-POP tra cui BTS e BLACKPINK e i cantanti Ariana Grande, Billie Eilish e Travis Scott, è stato individuato un nuovo trend musicale, il ‘phonk’.

I video più ricercati? Cartoni animati e show televisivi

I bambini in questo ultimo anno hanno sfruttato il web anche per imparare. Nello specifico, è stata rilevata una crescita di interesse verso i video “creativi” come i beat e le lezioni di musica. TikTok rimane il principale trendsetter musicale per i bambini.
Per quanto riguarda i video più ricercati, con il 50% si confermano in cima alla classifica i cartoni animati (Lady Bug and Super Cat, Gravity Falls e Peppa Pig), mentre al secondo posto gli show televisivi, con The Voice Kids al primo posto delle ricerche più frequenti in lingua inglese. Per film e serie TV, i trailer più popolari sono stati Godzilla vs Kong, Justice League di Zach Snyder e la miniserie Disney+ WandaVision. Anche Netflix continua ad attirare l’attenzione di molti bambini, soprattutto per Cobra Kai e Stranger Things.

Cresce l’interesse per contenuti educativi e creativi

TikTok rimane il leader indiscusso tra bambini e ragazzi, riferisce Askanews, ma cambiano le attività per cui viene utilizzato. Infatti, oltre a cercare videoclip e lip sync di canzoni, cresce l’interesse verso contenuti educativi e creativi. Si tratta, infatti, di un social network in grado di sviluppare competenze, basti pensare al fatto che per creare video su TikTok è necessario imparare il lavoro degli operatori, cimentarsi nelle vesti di un attore e occuparsi anche della regia. Tutte attività che portano i ragazzi a sviluppare capacità che possono essergli utili in futuro e che addirittura potrebbero diventare una professione.

A maggio l’Indice dei Prezzi Tecnologici arriva a 103,65 punti

Nel mese di maggio 2021 l’Indice dei Prezzi Tecnologici (IPT) arriva a 103,65 punti, registrando una contrazione di -0,60 punti rispetto ad aprile e interrompendo un trend congiunturale di crescita dei prezzi che durava da 4 mesi consecutivi. Al contrario, a livello tendenziale, l’IPT è in crescita di +0,90 punti rispetto a maggio 2020, confermando una tendenza positiva che dura da 12 mesi consecutivi, cioè da giugno 2020. L’IPT è un indicatore sintetico, elaborato dall’istituto di ricerche di mercato QBerg, che misura la variazione nel tempo dei prezzi di 16 categorie e 54 sottocategorie di prodotti tecnologici, acquistabili dai consumatori italiani all’interno di punti vendita fisici di tre canali (catene di Elettronica, gruppi di acquisto di Elettronica e ipermarket).

Le categorie tecnologiche

Quasi tutte le categorie di prodotti tecnologici analizzate dall’IPT, fatta eccezione per il GED, hanno subito una contrazione dei prezzi proposti al pubblico negli store. A frenare l’indice IPT sono stati soprattutto i prodotti dei settori Comunicazione e Trattamento Aria e Acqua. Il comparto Comunicazione ha evidenziato una contrazione dell’indice IPT a livello congiunturale rispetto ad aprile 2021, e tendenziale rispetto a maggio 2020, trend particolarmente marcato per prodotti della categoria Networking/Smart Home e per i Wearable. Di segno ambivalente, invece, la Telefonia e i Dispositivi Mobili, mentre segnali dalla doppia interpretazione arrivano dal settore Entertainment e Informatica. Infatti nell’Entertainment, l’Home Entertainment e, in parte, gli Accessori AV, evidenziano prezzi in discesa, mentre l’Audio/Video registra aumenti sia a livello congiunturale sia tendenziale.

Un settore vivace a partire dal lockdown di marzo 2020

Il settore informatico rimane particolarmente vivace a partire dal lockdown del marzo 2020 continuando a registrare riduzioni dei prezzi. Tuttavia, le Periferiche IT mostrano segnali di inversione rispetto alle diminuzioni di prezzi registrate per 4 consecutivi mesi, facendo segnare un leggero incremento dell’IPT rispetto ad aprile 2021, e uno più marcato rispetto a maggio 2020. Il GED è l’unico comparto che vede un aumento dell’indice IPT a livello congiunturale, con, rispettivamente Built-in +3,06 punti e Libera installazione +1,40 punti rispetto ad aprile 2021.  Diversi, invece, gli indici tendenziali rispetto a maggio 2020: in leggera crescita il GED Built-in e in contrazione il GED a Libera Installazione. Da rilevare anche la contrazione della categoria PED, sia a livello congiunturale sia tendenziale.

Prezzi in salita per le famiglie GED o PED

Tutti le principali famiglie di prodotto con un aumento dei prezzi rispetto ad aprile 2021 appartengono alle categorie GED o PED. Incrementi consistenti dell’IPT congiunturale sono da segnalare per le famiglie del GED Built-in dei Frigoriferi, Lavatrici, Forni e Lavastoviglie. A frenare l’ulteriore crescita del comparto sono stati i Congelatori, che hanno subito contrazioni importanti. Sempre a livello congiunturale, da rilevare come parecchi prodotti dell’affollata famiglia PED hanno registrato un aumento dei prezzi. A partire dai Pulitori a vapore, gli Apparecchi per la cottura, i Ferri da stiro e le Macchine per la cottura.

Primo trimestre 2021 positivo per il mercato italiano Tech di consumo

I primi tre mesi del 2021 sono stati decisamente positivi per il mercato italiano della Tecnologia di consumo. Con un +28,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno la Tecnologia di consumo conferma quindi il trend positivo che ha caratterizzato il settore nel corso del 2020. Secondo gli ultimi dati di GfK, i nuovi bisogni emersi con la pandemia stanno continuando a condizionare gli acquisti degli italiani, che continuano premiare in particolare il settore Tech e quello del Largo Consumo. Il mese che ha registrato la crescita maggiore è stato marzo, che ha registrato una crescita a valore del +66% anno su anno. Un trend che non stupisce, se pensiamo che marzo 2020 è stato il primo mese colpito dalla pandemia. 

Il settore con la crescita più sostenuta si conferma l’IT Office

Per quanto riguarda i segmenti che compongono la Tecnologia di consumo la crescita è generalizzata, con tutti i comparti positivi, compresi l’Home Comfort (+10,6%) e la Fotografia (+15,2%). Ma il settore con la crescita più sostenuta è ancora una volta l’IT Office (+41,4%), confermando un trend positivo iniziato lo scorso anno per effetto dello smart working e della Dad, e che non sembra ancora esaurirsi. Continuano a crescere anche le vendite del Piccolo Elettrodomestico (+35%) e del Grande Elettrodomestico (+29,5%), e cresce del +29% anche l’Elettronica di consumo, con performance particolarmente positive per il segmento TV. Dopo i rallentamenti del 2020 torna a crescere a doppia cifra anche il comparto della Telefonia (+19%).

Riprende la frequenza di acquisto, ma si ridimensionano i carrelli 

Il mercato della tecnologia è destinato a crescere almeno per tutto il primo semestre. Unica variabile da tenere in considerazione sarà lo “shortage” di prodotto e i problemi di logistica legati all’arrivo della merce, che stanno impattando tutti i settori. I dati GfK Consumer Panel evidenziano però come alcuni fenomeni emersi lo scorso anno stiano lentamente rallentando. Dopo un 2020 caratterizzato prevalentemente da riduzioni di frequenza di acquisto e carrelli decisamente più grandi (One Stop Shopping), si assiste negli ultimi mesi a una ripresa della frequenza di acquisto e un ritorno a carrelli di dimensione più normale. La situazione non è ancora tornata ai livelli precedente alla pandemia, ma per quanto riguarda le modalità di fare la spesa degli italiani il trend sembra prefigurare un lento ritorno alla normalità.

Online al 46,6%, discount 82,4%

Dal punto di vista dei canali di vendita, il dati del GfK Consumer Panel confermano la crescita dell’online e dei discount: il primo raggiunge il 46,6% di penetrazione nel Largo Consumo Confezionato (+6,7% rispetto allo scorso anno), mentre il Discount raggiunge la penetrazione massima storica dell’82,4% (+1,3%). Si stabilizza invece la frequentazione dei negozi di prossimità, che erano cresciuti molto lo scorso anno, specie durante il primo lockdown, e diminuisce ancora la penetrazione degli Ipermercati (-3,5%), come già successo nel 2020.

Il cellulare? E’ diventato la nostra vera “casa”

Il cellulare non è solo uno strumento per restare connessi con i propri contatti, ma è diventato a tutti gli effetti il nostro mondo. O meglio, la nostra “casa”, in cui viviamo e conserviamo ogni aspetto che ci interessa. I nostri ricordi, valori, hobby sono racchiusi lì, all’interno dello smartphone: perderlo equivale a ritrovarsi come degli homeless, dei senzatetto digitali. Ad affermare quanto sia ormai vitale il cellulare per la gran parte della popolazione mondiale è un nuovo studio condotto da una squadra di 11 antropologi dell’Ucl, University College London, che ha passato 16 mesi a documentare l’uso dello smartphone in 9 paesi in Africa, Asia, Europa (tra cui l’Italia) e Sud America, con particolare attenzione agli anziani. L’analisi e i relativi dati sono stati sono pubblicati su The Global Smartphone: Beyond a youth technology, nuovo libro coordinato dal professor Daniel Miller.

Senza cellulare siamo perduti

L’aspetto più interessante – e anche più sconvolgente – della ricerca è che se perdiamo il telefonino ci ritroviamo in una condizione di autentici senzatetto: questo perché è attraverso gli smartphone che esprimiamo sempre più la nostra personalità, i nostri interessi e valori. Li adattiamo alle esigenze e abbiamo ‘barattato’ il tempo trascorso faccia a faccia con la famiglia e gli amici con le ore “a casa” sui nostri cellulari.

Il “rovescio della medaglia”

Ovviamente, ci sono delle ripercussioni generate da questo nuovo modo di vivere sempre con il telefono a portata di mano. Come spiega il professor Miller, riporta Ansa, “Il rovescio della medaglia è che in qualsiasi momento, durante un pasto, un incontro o un’altra attività condivisa, una persona può semplicemente ‘scomparire’, essendo “tornata a casa” sul proprio smartphone. Questo comportamento, e la frustrazione o persino l’offesa che può causare, è ciò che chiamiamo la ‘morte della prossimità’. Stiamo imparando a convivere con il rischio che anche quando siamo fisicamente insieme, possiamo essere soli socialmente, emotivamente o professionalmente. Allo stesso tempo, lo smartphone ci sta aiutando a creare e ricreare una vasta gamma di comportamenti utili, dal ristabilimento di famiglie allargate alla creazione di nuovi spazi per la sanità e il dibattito politico”.

Sempre giovani

Un altro elemento emerso dalla ricerca è che l’utilizzo così massiccio del cellulare allontana lo spettro dell’invecchiamento. Proprio così: in molte regioni del mondo lo smartphone ha contribuito a cambiare l’esperienza dell’invecchiamento, facendo sentire continuità con la giovinezza. Il fatto di considerarsi anziani, quindi, non è più legato a un fattore anagrafico, ma bensì alla fragilità.

Italia, il 63% delle aziende aumenta gli investimenti in smart manufacturing

La pandemia e tutte le conseguenti misure e limitazioni non hanno messo lo stop alla digitalizzazione delle aziende manifatturiere italiane. Anzi, pare che il comparto abbia ritrovato una nuova dinamicità: il 63% delle aziende manifatturiere non solo non ha interrotto i flussi di capitali a supporto dei progetti di produzione intelligente, ma li sta accelerando dedicando in media più di un terzo del proprio budget. E 9 aziende su 10 riconoscono l’importanza di aprirsi a ecosistemi di smart manufacturing. E’ quanto emerge da una ricerca di Deloitte su Industry 4.0 e il settore manifatturiero.

Le iniziative di Industry 4.0 più dinamiche

Gli ambiti di azione, però, non sono tutti uguali. Dal rapporto di Deloitte emerge che sono tre in particolare i settori specifici in cui le aziende italiane riescono a gestire su ampia scala le iniziative di Industry 4.0, dimostrando un livello di maturità maggiore rispetto ad altre geografie. Questi tre ambiti sono Smart warehouse (57%), Quality sensing and detecting (53%) e Smart connected product (40%). Ma quali sono le ragioni per cui le aziende manifatturiere del nostro paese scelgono questi strumenti innovativi? La risposta arriva sempre dal report: le imprese partecipano a ecosistemi produttivi in ambito smart-manufacturing prima di tutto per migliorare il tempo tra l’ideazione di un prodotto e la commercializzazione (34%), sviluppare nuovi canali o mercati (29%) e migliorare la propria capacità innovativa (26%). Una possibile riduzione dei costi, sebbene rappresenti un aspetto molto rilevante e generi benefici non trascurabili – specialmente in un contesto quale quello che le aziende stanno attraversando a causa delle conseguenze della pandemia – non è però la determinante principale della costituzione di un ecosistema (14%).

“Next Generation Plan europeo è uno stimolo per le riforme”

“Alla luce di questi numeri il Next Generation Plan europeo rappresenta uno stimolo per le riforme, ma anche la possibilità di accelerare la trasformazione digitale delle aziende manifatturiere italiane, alle prese con una sfida chiave per recuperare competitività e abilitare il paradigma della fabbrica digitale”, commenta i risultati Andrea Muggetti di Deloitte. Che aggiunge, come riporta Ansa, che nella definizione del Piano nazionale di ripresa e resilienza sarà “centrale adottare un processo di modernizzazione strutturale attraverso una strategia organica, che porti investimenti nelle tecnologie emergenti e sostegno allo sviluppo tecnologico”. In sintesi, per i prossimi mesi la scelta di adottare nuove tecnologie da parte delle imprese italiane sarà assolutamente rilevante per la ripresa del nostro Paese.

Tecnologia di consumo, exploit di inizio anno: vendite a +26,9%

E’ chiaro a tutti che il 2020 è stato “salvato” sia sotto il profilo lavorativo sia scolastico dalla tecnologia. Computer, tablet e smartphone ci hanno permesso di rimanere connessi, seppur distanti fisicamente, e di proseguire con la maggior parte delle nostre attività. Non per niente l’anno passato si è chiuso con numeri in salita per quanto riguarda la vendita della cosiddetta Tecnologia di consumo. Ma come è iniziato il 2021 sotto questo aspetto? Ancora meglio, stando alle rilevazioni riferite alle prime 11 settimane dell’anno nuovo effettuate da Gfk: le vendite sono cresciute del +26,9% a valore, con trend positivi sia online che offline. Certo, anche il 2021 si è aperto con nuove limitazioni imposte dalla pandemia, ma il mercato italiano della Tecnologia di consumo continua a fare registrare un trend decisamente positivo.

Crescita a doppia cifra

In base alle ultime rilevazioni, dal 1° gennaio al 21 marzo il mercato Tech è cresciuto del +26,9% a valore rispetto allo stesso periodo del 2020, sia sul canale online (+64% a valore) sia nei punti vendita tradizionali (+18%). Analizzando i principali settori, si registra un forte aumento del comparto IT Office (+52,2%) che già lo scorso anno aveva fatto registrare vendite record legate alle nuove esigenze di smart working e didattica a distanza. Molto positivo anche l’andamento del Piccolo Elettrodomestico (+31,9%), dell’Elettronica di Consumo (+22,7%) e del Grande Elettrodomestico (+20,1%). Segna delle ottime performance pure il segmento Telecom (+21,3%) il principale per fatturato sviluppato. Numeri in calo, invece, per l’Home Comfort (-0,9%) e soprattutto per la Fotografia (-10,9%), penalizzata esattamente come nel 2020 dalle molte limitazioni imposte alla mobilità e al turismo.

PC portatili, aspirapolvere e Tv guidano le migliori performance

I prodotti che hanno messo a segno le migliori performance sono legati indissolubilmente ai nuovi stili di vita, che mettono in prima linea smartworking, cura della casa e intrattenimento. Rispetto allo stesso periodo del 2020 hanno visto una crescita record i PC portatili (+49,1% a valore), gli aspirapolvere (+27,7%) e le Tv (+23,6%). Registrano crescite a doppia cifra nelle prime settimane del 2021 anche gli smartphone (+19,7%), i frigoriferi (+17,6%) e le lavatrici (+10,2%). Il report conclude con un’annotazione che fa ben sperare anche per il prossimo futuro: “L’andamento positivo della Tecnologia di consumo continua senza interruzioni dall’inizio del 2021, con trend settimanali sempre in crescita rispetto allo scorso anno. Particolarmente positivo l’andamento delle vendite della settimana compresa tra il 15 e il 21 marzo , con una crescita del +70% rispetto allo stesso periodo del 2020”.