WhatsApp e Messenger, chiamate di gruppo aumentate del 1000%

Da quando sono costretti a stare a casa, gli italiani non vogliono rinunciare alla socialità, seppur a distanza. Ecco che allora ricorrono a ogni possibile soluzione tecnologica e la più semplice e alla portata di tutti – anche dei nonni – è quella di utilizzare le videochiamate di WhatsApp e Messenger. La forma, evidentemente, è ultra gradita, tanto che le chiamate di gruppo sui due social sono aumentate, in termini di tempo, di oltre il 1.000%. Lo ha reso noto Facebook in un post firmato da due vicepresidenti, Alex Schultz e Jay Parikh.

Esplosione social e dirette live

Nelle ultime settimane, quando l’emergenza sanitaria ha previsto restrizioni più severe, per gli italiani il tempo speso nelle app di Facebook, ovvero Instagram, WhatsApp e Messenger, è aumentato fino al 70% secondo i dati diffusi in un blogpost da Alex Schultz, vice president di Analytics, e Jay Parikh, vice president di Engineering. Le visualizzazioni dei Live su Instagram e Facebook sono raddoppiate in una settimana. La messaggistica è cresciuta di oltre il 50%.

Un fenomeno improvviso e nuovo da gestire

Durante l’emergenza legata al coronavirus, Facebook sta facendo “tutto il possibile per mantenere le app veloci, stabili e affidabili. I nostri servizi sono stati costruiti per resistere ai picchi durante eventi come le Olimpiadi o la notte di Capodanno. Tuttavia, questi eventi si verificano raramente e abbiamo tutto il tempo per prepararci”, sottolineano spiegando come la crescita di utilizzo dovuta al Covid-19 è senza precedenti per tutto il settore, e “stiamo registrando nuovi record di utilizzo quasi ogni giorno”. Secondo Schultz e Parikh “mantenere la stabilità durante questi picchi di utilizzo è più impegnativo del solito ora che la maggior parte dei nostri dipendenti lavora da casa”.

Il commento di Mark Zuckerberg

Anche Mark Zuckerberg, fondatore e numero uno di Facebook, qualche giorno fa ha parlato dell’exploit delle app del social dovuto al Covid-19, e si è augurato che la rete possa reggere tutto questo traffico. “Al momento la situazione non è fuori controllo – ha detto Zuckerberg in una conference call – ma dobbiamo davvero assicurarci di avere un’infrastruttura al di sopra di questa situazione per poter continuare a fornire il livello di servizio di cui le persone hanno bisogno un momento come questo”. E ha aggiunto: “In termini di statistiche stiamo riscontrando livelli di utilizzo molto elevati in tutti i paesi che sono stati colpiti. Non solo di WhatsApp anche di Facebook Messenger. Il picco normale per noi è Capodanno, giorno in cui praticamente tutti vogliono mandare messaggi e fare un selfie da inviare alla loro famiglia ovunque si trovino. E siamo oltre quel picco di Capodanno”, ha concluso il ceo di Facebook.

Università italiane, otto dipartimenti fra i migliori al mondo

Prendiamoci qualche soddisfazione, almeno ogni tanto. L’Italia, anche in questi giorni bistrattata sui media esteri, dimostra invece di avere una marcia in più, almeno per quanto riguarda la qualità della formazione universitaria. La notizia: otto dipartimenti universitari italiani sono risultati tra i primi dieci al mondo, due in più rispetto allo scorso anno. L’ottimo piazzamento degli atenei del Belpaese arriva dalle nuove classifiche universitarie mondiali 2020 messe a punto da QS Quacquarelli Symonds che ha studiato 13.138 programmi universitari in 1368 atenei che si trovano in 83 località in tutto il mondo.

Le eccellenze made in Italy

Tra le eccellenze del Paese ci sono l’Università La Sapienza – Dipartimento di Storia e Storia Antica – che si è classificato al II posto nel mondo; e il Politecnico di Milano, che è al VI posto al mondo per Arte e Design e VII a livello globale per Architettura. A livello europeo l’Italia si classifica quarta come miglior sistema universitario in Europa, superata solo da Francia,Paesi Bassi e Germania oltre che dalla Svizzera (europea ma non parte dell’Ue). Con queste performance, è strano scoprire che il nostro paese – in merito alle prestazioni in quattro settori: reputazione accademica, occupabilità dei laureati, impatto sulla ricerca e sua produttività – è vincente in Europa solo per quanto riguarda il secondo parametro, ovvero l’occupabilità dei laureati. Su questo fronte ci piazziamo infatti al secondo posto, alle spalle della Francia. I nostri laureati insomma piacciono molto per la preparazione che hanno ai datori di lavoro che li assumono; però i numeri relativi agli altri tre parametri vedono l’Italia perdere posizioni.

Il Mit, l’Istituto di tecnologia del Massachusetts è leader mondiale

L’ateneo che si colloca la primo posto mondiale di questa classifica del sapere è stabilmente il Mit, l’Istituto di tecnologia del Massachusetts. L’università americana si conferma leader globale in 12 materie, più di qualunque altro paese al mondo; segue l’Università di Harvard in testa su 11, e l’Università di Oxford su 8. Ma il sistema di istruzione superiore degli Stati Uniti è in regressione: il numero dei primi 50 programmi offerti dalle università americane è sceso da 806 del 2018 a 769 di quest’anno. Al contrario, i programmi universitari del Regno Unito hanno registrato un miglioramento complessivo da un anno all’altro, con più aumenti (306) che diminuzioni (238). “La Brexit non sembra aver ancora messo a repentaglio le prestazioni di ricerca delle università britanniche”, commenta Ben Sowter, direttore della ricerca di QS, il quale aggiunge che “Dopo cinque anni di incessante miglioramento, i nostri dati ci dicono che c’è un rallentamento dei progressi della Cina. Tuttavia, la loro traiettoria è ancora superiore a quella delle università americane”.

Smart working, i consigli professionali per svolgerlo al meglio

Sono sempre di più le aziende che si orientano verso lo smart working, e non solo come extrema ratio per fronteggiare le emergenze causate dal coronavirus. Il lavoro da casa, insomma, sta sempre più prendendo piede nelle aziende – e anche nella mentalità – come una forma lavorativa del tutto comune e praticata. Ma siamo pronti ad affrontare questo cambiamento nel modo corretto e, soprattutto, più produttivo possibile? Sia oggi in una situazione “estrema” (e per questo il DL del 23 febbraio 2020 sulle misure urgenti cautelative per il coronavirus permette alle imprese di applicare, con effetto immediato, lo smart working senza accordi bilaterali con i collaboratori ) sia in futuro, quando lavorare da casa sarà una pratica condivisa? “Molte aziende hanno optato per lo smart working per tutelare, come è giusto che sia, la salute di dipendenti, collaboratori e clienti. In realtà internazionali e/o innovative, questa prassi è stata adottata già parecchio tempo fa, ma per molte altre si tratta davvero di una novità. Che sia una pratica diffusa o una novità, comunque, ci sono una serie di azioni che permettono di trasformare questa esigenza in un’opportunità” dice Joelle Gallesi, General Manager di Hunters Group, primaria società di head hunting italiana.  Ecco i consigli degli esperti per organizzare al meglio le ore di lavoro lontano dall’ufficio.

Obiettivi chiari e comunicazione efficace

Come in ogni lavoro, è importante aver chiari gli obiettivi a breve termine e concordare le scadenze per la consegna dei lavori che si dovranno gestire durante le ore di attività. “Lo smart working è un metodo di lavoro che si misura in risultati, non in ore lavorate, per cui è importante avere delle ‘unità di misura’ condivise” dicono gli esperti. Altrettanto importante è la comunicazione, che deve essere multicanale (skype, telefono, mail, chat aziendale…) in modo da potersi confrontare e relazionare con gli altri come se si stesse alla propria postazione in ufficio o in riunione.

Gestione dello spazio e del tempo

Anche a casa, occorre ricavarsi un vero e proprio angolo ufficio. Lo spazio organizzato serve infatti a “mettere in ordine” le idee e a facilitare il lavoro. “Una seduta comoda, uno spazio per appoggiare il pc e nessuna distrazione acustica sono alcune delle condizioni necessarie per poter lavorare in serenità e concentrazione” spiegano gli esperti. Allo stesso tempo, serve organizzazione anche per la gestione del proprio tempo, dato che nello smart working si incastrano giocoforza impegni personali e attività professionali. Bisogna imparare a bilanciare i tempi lavorati e i momenti di break. Infine, è importante ricordarsi che lavorare da casa non significa essere reperibili h24: sono fondamentali anche i momenti di totale stacco dal lavoro per essere realmente produttivi.

Gennaio 2020, bilancio positivo per l’import-export

Qualche buona notizia in un periodo particolarmente teso per l’Italia, a causa della psicosi generata dal coronavirus. A mettere un po’ di ottimismo all’interno dello scenario economico ci pensano gli ultimi rilevamenti dell’Istat relativi all’andamento dell’import-export riferiti al mese di gennaio 2020. Nel primo mese dell’anno, infatti, l’Istituto comunica che, per entrambi i flussi commerciali da e verso i paesi extra Ue, si stima un marcato aumento congiunturale, più ampio per le importazioni (+7,2%) rispetto alle esportazioni (+5,4%).

Esportazioni, numeri in positivo per quasi tutti i settori

Per quanto riguarda le esportazioni dal nostro Paese, l’analisi evidenzia che quasi tutti i comparti sono in attivo. Infatti l’incremento congiunturale dell’export riguarda tutti i raggruppamenti principali di industrie, in particolare energia (+13,6%), beni strumentali (+9,5%) e beni di consumo non durevoli (+4,5%). Bene anche per ciò che concerne l’import: l’Istat sottolinea importanti aumenti su base mensile per energia (+13,2%), beni strumentali (+8,9%), beni di consumo non durevoli (+6,0%) e beni intermedi (+2,9%). In controtendenza, segnano un calo gli acquisti di beni di consumo durevoli (-1,1%). In particolare, sembrano tenere meglio i flussi da e per l’Europa, meno invece quelli da e per i Paesi Extra Ue. Nel trimestre novembre 2019-gennaio 2020, la dinamica congiunturale delle esportazioni verso i paesi extra Ue è negativa (-2,7%) e imputabile ai cali registrati per tutti i raggruppamenti principali di industrie, i più ampi per beni strumentali (-4,6%) e beni di consumo durevoli (-3,6%).

Valori in crescita anche su base annua

Allargando lo scenario, dall’analisi risultano in aumento anche le rilevazioni su base annua. A gennaio 2020, le esportazioni sono in netto aumento  (+4,4%). L’incremento è rilevante per energia (+24,5%) e beni strumentali (+10,1%). Le importazioni registrano un aumento tendenziale (+2,3%), determinato da energia (+11,0%), beni di consumo non durevoli (+6,2%) e beni strumentali (+3,8%). Aumenta l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +2.719 milioni per gennaio 2019 a +3.319 milioni per gennaio 2020). Sempre su base annua, risulta in forte aumento a gennaio 2020 l’export verso Turchia (+35,1%), Giappone (+33,1%), paesi OPEC (+16,0%) e Stati Uniti (+9,5%)  mentre registrano cali le vendite di beni verso India (-15,2%), Cina (-11,9%) e paesi MERCOSUR (-4,1%). Gli acquisti da Medio Oriente (+17,3%), Stati Uniti (+15,7%), India (+11,7%), paesi ASEAN (+7,1%) e paesi OPEC (+6,8%), registrano incrementi tendenziali molto più ampi della media delle importazioni dai paesi extra Ue. In diminuzione gli acquisti da paesi MERCOSUR (-32,9%), Russia (-27,4%) e Svizzera (-3,1%).

Work-life blend, per il 70% degli italiani lavoro e vita privata si sovrappongono

Un confine netto tra vita privata e vita professionale? Macché. Gli italiani, in gran parte, hanno perso l’equilibrio tra il tempo da dedicare al lavoro e quello da rivolgere alla propria famiglia e ai propri interessi. La sovrapposizione tra lavoro e vita ha un nome, ovviamente inglese: è il work-life blend, l’esatto contrario del più famoso work-life balance. I numeri sono eloquenti, come rivela l’ultima edizione del Randstad Workmonitor, l’indagine sul mondo del lavoro di Randstad, operatore globale nei servizi per le risorse umane, condotta in 34 Paesi su un campione di 400 lavoratori di età compresa fra 18 e 67 anni per ogni nazione, che lavorano almeno 24 ore alla settimana percependo un compenso economico.  Infatti, ben il 71% dei nostri connazionali risponde a telefonate, email e messaggi di lavoro anche fuori dell’orario di lavoro, al terzo posto in Europa, +6% rispetto alla media globale. E’ significativa anche un’altra percentuale, quella di chi rimane sempre connesso anche durante i periodi di ferie, che tocca il 53%: oltre un lavoratore su due. La colpa di questo atteggiamento? Secondo gli intervistati è da attribuire al datore di lavoro che, per il 59% dei dipendenti, si aspetta che questi ultimi gestiscano questioni professionali anche fuori dall’orario d’ufficio e, secondo il 52%, rispondano durante le ferie e il tempo libero.

Gli italiani i più “disponibili”

La ricerca evidenzia che gli italiani sono fra i più disponibili al mondo a rispondere a telefonate, email e messaggi di lavoro dopo l’orario d’ufficio. Il 71% lo fa quando possibile (in Europa soltanto Portogallo, 72%, e Romania, 74%, sono più solleciti) e ben il 68% lo fa immediatamente, al primo posto in Europa dopo Grecia (71%) e Romania (69%). La modalità è la stessa sia per gli uomini sia per le donne, mentre i lavoratori sotto i 45 anni sono ancora più solerti dei colleghi più “grandi”: rispondono subito nel 70% dei casi contro il 66%.

Il lavoro va anche in vacanza

Per quanto riguarda i periodi di ferie, il 71% dei nostri connazionali non vuole pensare al lavoro (76% uomini contro il 66% delle donne). Oltre un lavoratore su due, però, sceglie di gestire questioni di lavoro mentre è in vacanza perché vuole sentirsi coinvolto e restare aggiornato (53%, ben 10 punti sopra la media globale), soprattutto maschi (56%, contro il 51% delle colleghe) con meno di 45 anni (58%, contro il 47% dei dipendenti senior). Tuttavia, la scelta di essere sempre a disposizione, anche quando ci si trova al mare o in montagna, è dettata – riferiscono gli intervistati – dalle pressioni da parte dei datori di lavoro: il 59% di questi, sempre secondo i dipendenti, si aspetta che i collaboratori si occupino di questioni professionali anche fuori dall’orario d’ufficio.

Il Coronavirus “attacca” in rete: le minacce informatiche nascoste dietro questo temi

Sui giornali, sui social, in TV e alla radio si parla quasi esclusivamente del Coronavirus, il virus cinese che sta spaventando il mondo. E, visto che tutti cercano informazioni in merito, quale posto migliore di Internet per reperire dati e notizie? Attenzione, però: i criminali informatici – evidentemente sempre sul “pezzo” – stanno utilizzando contenuti relativi al Coronavirus per trarre profitto dagli utenti meno attenti. Ad affermarlo è una recente ricerca di Kaspersky che, in una sola settimana, ha scovato ben  32 file dannosi diffusi come documenti legati al Coronavirus. In particolare gli analisti hanno riscontrato email di spam che propongono maschere filtranti antismog affermando che sono in grado di proteggere gli utenti dal virus e da altre infezioni trasmesse per via aerea.

Fare leva sui timori

Gli esperti di Kaspersky hanno trovato queste mail di spam che offrono maschere capaci di proteggere dal virus con “un’efficacia del 99.99%”. Quando un utente sprovveduto e incuriosito riceve questo messaggio, è invitato a cliccare su un link all’interno della mail. In questo modo viene reindirizzato a una pagina di destinazione che contiene delle offerte relative a queste maschere e invita l’utente a fornire i dettagli della propria carta di credito per effettuare l’acquisto. Poiché il sito web che ospita l’URL non è collegato al prodotto pubblicizzato, “esiste un’alta probabilità che l’utente non riceva l’ordine, perda il denaro speso o in alcuni casi riceva un prodotto che non garantisce le funzionalità presentate” dicono dalla società di sicurezza.

Attenzione anche ad alcuni documenti

Nei giorni scorsi, le tecnologie di rilevamento di Kaspersky avevano anche messo in luce dei file dannosi che si presentavano come documenti legati al Coronavirus, malattia virale sotto i riflettori in queste settimane che, a causa della sua natura pericolosa, sta occupando le prime pagine dei media. I file dannosi scoperti si presentavano sotto forma di file pdf, mp4 e docx. Al contrario di quanto realmente contenuto nei file, il nome dato ai documenti suggeriva che si trattasse di istruzioni video su come proteggersi dal virus, di aggiornamenti sulla minaccia e persino di procedure di rilevamento del virus. Attenzione, però: “questi file contengono una serie di minacce tra cui Trojan e worm, in grado di distruggere, bloccare, modificare o copiare i dati, oltre che di interferire con il funzionamento dei computer o delle reti. Se non si dispone di una soluzione di sicurezza informatica, cliccando sul link verrà scaricato ed eseguito sul dispositivo un malware” avverto gli esperti. Quindi, attenzione non solo a lavarsi le mani per proteggersi dai contagi, ma anche agli attacchi informatici!

Professioni più ricercate nel 2020: quali sono e quanto sono retribuite

Quale saranno le figure professionali più richieste dell’anno, in base all’andamento del mercato del lavoro, e soprattutto quali potrebbero essere le relative retribuzioni? A queste domande ha cercato di rispondere PageGroup, società mondiale specializzata nel recruitment con i brand Page Executive, Michael Page e Page Personnel. Quello che emerge in linea di massima dall’indagine è che saranno sempre più ricercate le cosiddette “competenze trasversali”, ovvero la capacità di saper fare più cose e non solo i compiti per i quali si è stati formati. 

L’importanza delle soft skills

Tra i trend più evidenti, spicca appunto il costante incremento dell’importanza che assumono le soft skills, anche in settori nei quali a prevalere sono sempre state le capacità tecniche, come ad esempio in quello ingegneristico manifatturiero. Questo significa che la capacità dei lavoratori di possedere competenze trasversali sarà quindi un elemento distintivo non solo in fase di colloquio, ma anche dopo, quando si sarà inseriti all’interno dell’azienda. Ancora, un’ulteriore tendenza emergente è l’incremento dell’attenzione rivolta ai servizi di CRM e alla creazione di modelli predittivi del comportamento del cliente, fino al marketing one to one.

Le figure più ricercate nei comparti Sales, AI ed Engineering

Venendo all’aspetto più “pratico” della ricerca, nel settore Sales le figure più ricercate saranno l’Inside Sales,che si occupa del rafforzamento della relazione con i clienti, dello sviluppo commerciale legato alla promozione dei prodotti distribuiti dall’aziende, dell’adattamento e ottimizzazione dello stile di approccio e di comunicazione durante il colloquio telefonico (stipendio 20.000-35.000€ con bonus fino al 10%) e il Sales Engineer, che ha il compito di sostenere nei confronti del mercato di riferimento la componente tecnica della value proposition, durante tutta la fase negoziale fino al buon esito della product validation (35.000-50.000€ con bonus fino al 20%). Nel comparto dell’Information Technology i ruoli più gettonati sono il Data Scientist, responsabile della progettazione, costruzione, installazione e della manutenzione di sistemi scalabili di gestione dei dati – d’altronde, dalla casa all’auto la parola chiave sarà smart – (stipendio fra i 40.000 e i 70.000€) e il Developer AI/Robotic Engineer, tra le figure più richieste in assoluto e capace di applicare l’AI su vari dispositivi interconnessi. Nell’Engineering, infine, saranno premiati i Responsabili automazione (40.000-80.000€) e il Responsabile di produzione, che si occupa del coordinamento di tutte le attività tecnico-produttive ed organizzative locali con riporto diretto alle funzioni centrali dello stabilimento corporate (50.000-100.000€).

L’istruzione è donna

In Italia sono ben 1,34 milioni le imprese guidate da donne. E molte di queste sono orientate verso il settore – in senso lato – dell’istruzione, a confermare che le donne sono più orientate verso comparti che garantiscono servizi alle famiglie. Probabilmente perché vivono le stesse esigenze anche sulla propria pelle.

Tre milioni di occupati

Le imprese in “rosa” garantiscono 3 milioni di posti di lavoro e, come dicevamo, un forte apporto al sistema dell’istruzione e del welfare di natura privata, così importante per agevolare la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro delle famiglie. Lo rileva l’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di Unioncamere e InfoCamere. Nella scelta di aprire una attività autonoma, sono molte le donne che preferiscono orientarsi verso i settori che offrono servizi alle famiglie, come quelli che si occupano di istruzione, o che operano nella sanità e nell’assistenza sociale. In questi ambiti, infatti, più di una impresa su tre è gestita da donne, con tassi di femminilizzazione, quindi, ben superiori a quello medio (22%).

Una preferenza che si ritrova anche nel lavoro dipendente

Questa attitudine si ritrova anche nel lavoro dipendente, come h spiegato all’Adnkronos Tiziana Pompei, vicesegretario generale di Unioncamere: “La predilezione femminile per questi settori è confermata anche nel lavoro dipendente. Secondo le ultime previsioni Excelsior di Unioncamere e Anpal, relative alla domanda di lavoro delle imprese nel mese di gennaio, le donne continuano a essere maggiormente richieste soprattutto nei servizi alle persone (30% richieste di personale femminile)”. Prosegue Pompei: ” “A seguire le imprese ricercano dipendenti donne soprattutto nei servizi di alloggio, ristorazione e turistici (28% richieste di personale femminile) e nel commercio (26%)”. I dati al 30 settembre scorso mostrano che nell’istruzione le 9.600 imprese femminili sono oltre il 30% del totale, con un aumento di circa 1.500 unità rispetto a settembre 2014.

Assistenza a bambini e minori

Le imprese femminili sono molto ben rappresentate anche nel campo sanitario e dell’assistenza sociale: oggi sono infatti 17mila e rappresentano quasi il 38% del totale, con un incremento di oltre 2.400 imprese rispetto a cinque anni fa e una forte specializzazione nella cura e nell’assistenza all’infanzia. A dimostrarlo sono le 3.400 attività femminili che gestiscono servizi di asili nido, baby-sitting e assistenza diurna per minori disabili, che sono quasi l’82% di quelle registrate (4.170) e risultano in aumento di circa 200 unità rispetto a 5 anni fa. Questa tipologia di impresa, va sottolineato, è maggiormente presente nelle regioni più grandi, come Lombardia e Lazio.

A tavola con le “bufale”, italiani vittime di fake news sull’alimentazione

Le fake news non risparmiano nessuno, soprattutto quando si tratta di alimentazione. Le “bufale” imperversano sulle tavole degli italiani, tanto che oltre la metà (58%) confessa di aver creduto almeno qualche volta nell’ultimo anno a una notizia sull’alimentazione poi rivelatasi falsa. E un terzo (37%) di loro l’ha anche condivisa sui social, contribuendo alla diffusione delle bufale alimentari. E sono le persone con almeno un diploma, appartenenti a una fascia economica media, a cascarci più spesso. La conferma arriva dall’indagine condotta dal Centro di ricerca dell’università Cattolica del Sacro Cuore, campus di Cremona Engage Minds Hub, svolta all’interno del progetto Craf (Cremona Agri-Food Technologies), avviato dall’università Cattolica nell’ambito di Cremona Food-Lab, realizzato con il contributo di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo.

Un impatto importante non solo sulle tasche, ma anche sulla salute

“La diffusione delle fake news alimentari ha un impatto importante non solo sulle tasche degli italiani, ma anche sulla loro salute – sottolinea Guendalina Graffigna, direttrice del Centro di ricerca Engage Minds Hub e conduttrice della ricerca -. I consumatori che ne sono più spesso preda, infatti, tendono a fare acquisti alimentari diversi rispetto agli altri e risultano maggiormente vittime delle mode. In particolare i cibi ‘senza’ o ‘con aggiunta di’ tendono a essere preferiti e considerati più salutari, indipendentemente dalle effettive proprietà nutrizionali, da chi è più soggetto al potere persuasivo delle fake news”.

Si abbocca per distrazione, disorientamento o narcisismo

Dall’indagine emergono gli identikit delle tre categorie, che indipendentemente dal livello di istruzione, credono maggiormente alle fake news sul cibo, i “distratti”, i “disorientati”, e i “narcisi”. I primi, i “distratti”, rappresentano il 42% di quanti abboccano alle fake news. Poco attenti alle loro scelte alimentari hanno uno stile di vita poco sano, ma sembrano non problematizzarlo e non dichiarano intenzione di migliorarlo. Tendono a provare le nuove mode alimentari, ma più per esperimento che per un vero piano di innovazione. Non hanno un regime alimentare coerente e razionale.

In cerca di indicazioni autorevoli, ma poco critici verso le fonti di informazione

Seguono i disorientati (33%), molto proattivi nella ricerca di informazioni in campo alimentare perché si dichiarano preoccupati per la loro salute, e di indicazioni autorevoli, spesso si lasciano influenzare dall’opinione altrui, soprattutto di amici e parenti. Sono aperti alle novità del mercato alimentare, ma non sono soddisfatti del loro regime alimentare e del loro stile di vita, e dichiarano di essere fortemente intenzionati a cambiarlo. Infine i narcisi (25%). Ricercano abbastanza spesso informazioni sull’alimentazione per mantenere uno stile di vita sano. Sono soddisfatti del loro stile alimentare e generalmente più tradizionali nelle scelte di consumo, ma non problematizzano le convinzioni in materia di salute e alimentazione. Per questo appaiono meno critici verso le fonti di informazione. Sono talvolta integralisti nelle scelte alimentari, spesso basate su argomentazioni valoriali e politiche.

Milano e area metropolitana, in un anno 3mila imprese in più

L’area metropolitana di Milano, sotto il profilo imprenditoriale, sembra godere di ottima salute. In un solo anno, il 2019, le imprese attive sul territorio sono aumentate di 3mila unità, pari a circa un punto percentuale in più sul 2018. Non sorprende che la zona dove si registra il maggiore incremento sia la città (+1,6%), mentre la cosiddetta “cintura” fa segnare un +0,1%. Le cifre emergono da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati del registro delle imprese relativi alle sedi di impresa attive al terzo trimestre 2019, 2018 e 2015. Nell’area metropolitana sono due milioni gli addetti ed è di circa 500 miliardi il fatturato annuale.

Trend positivo da quattro anni

L’andamento è in positivo da quattro anni, con un +4,6% di nuove imprese sull’intera area metropolitana. La crescita prosegue con maggiore dinamicità a Milano città (+6,7% in quattro anni) rispetto alla cintura (+1,6%) formata dagli oltre cento comuni. Tra i primi comuni con oltre 1.300 imprese, crescono San Donato (+1,6%), Parabiago (+1,5%), Lainate (+1,4%), Legnano (+1%), Sesto San Giovanni (+0,7%).

I comuni più attivi

Il 59,6% delle imprese si concentra nel capoluogo (183 mila) mentre quasi 124 mila hanno scelto di insediarsi nella cintura (il 40% del totale). Tra i primi comuni per numero di imprese attive, dopo Milano (182.610), vengono Sesto San Giovanni (5.522 imprese) e Legnano (5.169). Seguono Cinisello Balsamo (4.801) e Rho (3.650). Tra i primi anche Cologno Monzese (3.414), Paderno Dugnano (3.106), Rozzano (2.504), San Giuliano Milanese (2.462) e Bollate (2.381).

Un territorio che punta su turismo e ristorazione

Per quanto riguarda ristoranti e turismo, per peso del settore alloggio, ristorazione, agenzie di viaggio, considerando oltre cento imprese in totale, i comuni più smart sono Trucazzano (10%, che ha anche tre alberghi), Mediglia e Bellinzago (circa 10%), Bubbiano, Cassinetta, San Colombano (9%). I centri che mostrano una maggiore specializzazione in ristorazione e turismo sono Trucazzano, Cassano, Cuggiono. I più “femminili” con oltre cento imprese, per peso delle imprese guidate da donne, sono San Vittore Olona (24%), Inveruno, Robecchetto, Castano Primo, Cerro al Lambro (23%). A Milano il dato è del 17% in linea con l’area metropolitana.

I centri dove l’imprenditoria è multietnica

I comuni più etnici per peso delle aziende straniere sul totale, con oltre cento imprese, sono Baranzate (48,8%), Pioltello (32%), Lacchiarella e Cinisello (29%) e Sesto (28%). A Milano il peso è del 17% rispetto alla media territoriale del 16%.